mercoledì 23 settembre 2020

A vida da Gente (Brasile 2011-2012) - CONCLUSIONI

 


Ieri ho finito di vedere la serie brasiliana A VIDA DA GENTE, trasmessa nel lontano 2011/2012. La storia racconta le vicende di due sorelle, Ana e Manuela Fonseca, che vivono a Porto Alegre, nello stato di Rio Grande do Sul. Le due sono molto unite da un legame che si è consolidato fin da quando erano bambine, nonostante i molti tentativi della madre Eva di contrapporle l'una all'altra.

 


Ana è la figlia su cui Eva ha investito tutte le sue speranze di donna frustrata, mentre Manuela, nata con un problema fisico a una gamba, è sempre stata considerata una figlia di serie B. Nonostante la disparità di trattamento le due bambine sono cresciute legatissime. Quando avevano sui 10, 11 anni, Eva si è sposata con un ricco avvocato Jonas Macedo, vedovo con due figli, Fernanda, di qualche anno più grande, e Rodrigo coetaneo delle due bambine.

 


I tre crescono particolarmente legati, ma tra Rodrigo e Ana c'è una certa attrazione che con l'adolescenza sfocia in un amore che non avrà la possibilità di sbocciare e di vivere. Ana, promessa del tennis nazionale, infatti, viene spinta dalla madre a concentrarsi soprattutto sulla sua carriera.

 


Quando la ragazza scopre di aspettare un bambino da Rodrigo, non avendo il coraggio di affrontare la situazione, finirà per lasciarsi convincere da Eva a seguirla in Patagonia, per nascondere al mondo soprattutto sportivo la gravidanza di una ragazzina di diciassette anni.

 


Ana si ribella solo quando si tratta di dare in adozione la bambina, la piccola Julia, accettando poi di farla passare per sua sorella, di ritorno a Porto Allegre, in modo da potersi concentrare sulla sua carriera. Il legame però con la figlia la spingerà a un certo punto alla ribellione, sostenuta sempre da Manuela.

 


Le due ragazze, insieme alla piccola Julia, finiranno per fuggire una notte, nel tentativo di raggiungere la nonna Iná, che vive nel piccolo paesino di Gramado. Una buca sull'asfalto e l'arrivo improvviso di un mezzo pesante stravolgeranno per sempre il destino delle due ragazze.

 


Manuela e Julia si salvano, ma Ana finisce in coma mentre la storia della sua maternità viene alla luce. Rodrigo, un ragazzo che, seppur giovane, mostra di essere piuttosto responsabile, decide di lottare per sua figlia, mettendosi contro la famiglia, sostenuto solo dalla sorella Fernanda.

 


Ad appoggiarlo c'è Manuela, che si occuperà attivamente della crescita di Julia e del futuro di Rodrigo. Gli anni passano, apparentemente senza una speranza di ripresa da parte di Ana, e Rodrigo e Manuela scoprono di essersi innamorati. Quello che non ha potuto fare Eva, finirà per farlo il tempo e le circostanze.

 


Quando Ana, infatti, si sveglierà il mondo felice costruito da Rodrigo e da Manuela si sgretolerà, perché la prima non è riuscita a vivere la vita che voleva e Rodrigo avrà rimpianti e desideri irrealizzabili nella sua vita di adulto. Manuela lotterà per la sua bambina e per cercare di trovare un senso a tutto quello che ha costruito.

 


La storia è ben scritta e gli attori sono particolarmente bravi. La città di Porto Allegre e il piccolo paesino di Gramado, in cui si svolgono le vicende, hanno una dimensione piccola e umana che ancora di più esalta il messaggio di questo racconto, quello in cui non esistono buoni o cattivi, ma circostanze create dalla vita e dove il tempo, padrone assoluto, si diverte a tessere rapporti e situazioni.

 


Rodrigo e Ana saranno quelli che dovranno imparare a fronteggiare il tempo e i suoi cambiamenti, a rendersi conto che l'amore adolescenziale, anche se mai vissuto pienamente, fa parte di quel mondo di desideri irrealizzati in un altro tempo e che la vita degli adulti racconta tutta un'altra storia.

 


È un ottimo prodotto che, senza grandi eventi, finisce per analizzare l'animo umano e i rapporti tra sorelle. Avrei voluto vedere una presa di consapevolezza da parte di Rodrigo e di Ana piuttosto anticipata, invece ci hanno lasciato solo agli ultimi momenti concitati, ma nel complesso la storia resta carina e ben girata e scritta, un racconto delicato, fatto con un certo tocco elegante.

FINA ESTAMPA (Brasile 2011) - Prime impressioni (1-2)

 


 

Ieri sera ho iniziato a seguire questa nuova serie, trasmessa da RETE GLOBO nel lontano 2011 e che è stata un grande successo non solo in Brasile, ma anche in altri paesi in cui è stata trasmessa. Dalla tranquillità di una città portuale come Porto Alegre, ritorniamo nella movimentata e famosa Rio de Janeiro.

 


Il contesto nel quale si svolgono le vicende appare subito delineato, sottolineando la differenza di mondo che caratterizza un paese affascinante come il Brasile, ma assolutamente pieno di contrasti. Da un lato abbiamo la famiglia di René Velmont (Dalton Vigh), un rinomato chef di cucina, sposato con la superficiale Teresa Cristina, e padre di René Jr, un adolescente, e Patricia, una ragazza senza preconcetti, che studia medicina ed è fidanzata con Antenor, un ragazzo apparentemente di buona famiglia.

 


In realtà Antenor è figlio di Griselda, la protagonista della storia, una donna che si è sposata molto giovane e che ha avuto tre figli: Joaquim José, o "Quinzé", José Antenor e Maria Amália. Dalla morte del marito, un pescatore scomparso in mare, Griselda ha dovuto rimboccarsi le maniche per portare avanti la sua famiglia.

 


Lavora come tuttofare e, anche se umile, cerca con fatica e sforzo di crescere i suoi figli e di permettere di avere loro tutte le possibilità. Antenor però si vergogna delle loro condizioni umili e di sua madre in particolare e cerca di dare a Patricia l'impressione di una vita di lusso che non ha mai conosciuto.

 


Un giorno, per caso, René e Griselda si conoscono. La macchina che l'uomo vuole regalare alla figlia Patricia per il suo compleanno buca una ruota e Griselda interviene per aiutarlo. I due non potrebbero essere diversi e subito nello spettatore scatta una certa curiosità per capire come due personaggi così distanti potranno interagire.

 


È troppo presto per avere un'idea e ci troviamo di fronte alla solita folla di personaggi tipica di questo prodotto, nella quale cercare di mettere a fuoco quelli più interessanti per la trama. Nel complesso incuriosisce una protagonista sicuramente sui generis, così lontana dall'immagine tipica dell'adolescente o giovane donna della maggior parte dei prodotti. Speriamo che la storia prosegua in maniera interessante. Le concediamo il beneficio del dubbio.

NOW OR NEVER - Appuntamento per Cover reveal del 29/09



 

Venite a trovarci il 29/09 per la cover reveal del romanzo d'esordio di Viola Lewis, una bravissima autrice che siamo sicuri conquisterà il vostro cuore. Ecco una breve anticipazione. 



martedì 22 settembre 2020

A VIDA DA GENTE - La forza del tempo (133-137- fine)


 

 Le condizioni della piccola Julia peggiorano rapidamente ed è questo l'evento che sconvolge tutte le dinamiche, alterando le incomprensioni, le separazioni tra tutti i personaggi, creando nuove dinamiche e permettendo all'amore di trionfare.

 


Julia ha bisogno di un trapianto e il modo più rapido è quello di usare come donatore un familiare. Ana, per via di problematiche avute per via del coma, non può essere la persona adatta e il gruppo sanguigno di Rodrigo è incompatibile. Restano Eva e Manuela, entrambe compatibili.

 


La scelta dei medici, per una questione di età, va su Manuela che è disposta a tutto pur di salvare la bambina che considera sua figlia. Ana si rende conto che tutto l'astio che la separava da lei si è come volatilizzato e poco prima dell'intervento si reca nella stanza della sorella per abbracciarla.

 


Anche Rodrigo, di fronte alla possibilità di perderla, si rende conto di quello che davvero conta nella sua vita. Lúcio è in sala operatoria con Julia, senza lasciarla un momento ed Ana si rende conto di quanto sia speciale quest'uomo che mai le ha chiesto nulla e che ha sempre dato, arrivato nella sua vita come una benedizione.

 


Nonostante delle complicazioni, alla fine entrambi gli interventi vanno a buon fine e Manuela e Julia vengono rimandate a casa dopo una convalescenza di due settimane. Gabriel si rende conto che il legame che unisce Manuela a Rodrigo è ancora molto forte e decide di togliersi dalla scena.

 


Rodrigo, analizzando il suo cuore, scrive ad Ana una lettera d'addio, in cui le dice che si è reso conto che il tempo, con la sua forza devastante, ha trasformato completamente il rapporto che c'era tra di loro e che, pur volendole ancora bene, si è reso conto che quel desiderio adolescenziale che li univa si è trasformato e che la persona che vuole al suo fianco davvero è Manuela.

 


Le coppie si riformano, questa volta in maniera definitiva: Manuela e Rodrigo, Ana e Lúcio. La piccola Julia si ritrova con una famiglia più grande e più forte di prima. Ovviamente anche tutte le altre coppie si ricostituiscono.

 


Nanda ha trovato un suo equilibrio accanto a Francisco e forse anche un nuovo amore. Eva resta sempre Eva, ma cerca di fare dei piccoli passi verso Manuela, solo per riconquistare Ana. Iná continua la sua vita con Laurelino, essendo il punto di riferimento, e la vera madre, di Ana e Manuela.

 


Lourenço torna con Celina, che ha un bambino e che vivrà con lui insieme a Thiago, affidato al padre proprio dalla madre. Sarà proprio Lourenço a decidere sul finale di raccontare le varie storie in un romanzo dal titolo significativo di A VIDA DA GENTE! 

lunedì 21 settembre 2020

A VIDA DA GENTE - La depressione di Ana (127-132)


 

 Ana è un personaggio debole e la colpa è di quella madre, Eva, che ha continuato per tutto il tempo a insistere che lei è una "guerriera". In realtà la persona forte è sempre stata Manu, per tutti i colpi ricevuti dalla vita: i problemi fisici, il rifiuto di sua madre, il tradimento di sua sorella e di suo marito. Lei è si sempre rialzata.

 


Ana, invece, trattata sempre con i guanti, anche se sottoposta continuamente al ricatto e alle manipolazioni della madre, è cresciuta insicura, incapace di lottare per quello in cui davvero crede: ha abbandonato Rodrigo tutte le volte che si è creata una situazione di contrasto, ha lasciato Lúcio, insicura sui suoi sentimenti.

 


Adesso, ospite della nonna, finisce per cadere in una depressione profonda dove neanche le visite della figlia riescono ad aiutarla. Nel frattempo Eva decide di trasferirsi a casa di Iná per stare vicino ad Ana, ma una volta lì, resasi conto che la piccola Julia è bella come lo era la madre, decide di utilizzarla per degli spot pubblicitari, senza che nessuno lo venga a sapere.

 


È Lúcio, che continua a vedere la bambina a cui è profondamente legato, a scoprire il segreto della piccola Julia e a parlarne subito con Manuela. Quest'ultima coinvolge Rodrigo e i due fronteggiano Eva, che viene cacciata in malo modo da Iná dalla sua casa.

 


Ana, sconvolta, sembra scuotersi dal torpore, ma nel frattempo Manuela si rende conto che Julia non si sente bene e decide di portarla da Celina, per farla controllare, coinvolgendo anche Rodrigo.

 


Celina sottopone la piccola a una serie di controlli e scopre che la bambina ha una grave forma di epatite, prodotta da disturbi al fegato. La notizia cade su Rodrigo e Manuela sconvolgendoli. 

 


Ormai siamo agli sgoccioli, ma penso che la svolta agli eventi arriverà proprio da qui.

AUTUMN LOVE di Deborah Fasola e Federica Leone


Il 29 settembre esce su Amazon il nuovo romanzo di Deborah Fasola e Federica Leone, due scrittrici che hanno già conquistato il vostro cuore o che vi invitiamo a conoscere (se ancora non lo avete fatto) con il loro nuovo appassionante libro chiamato AUTUMN LOVE, disponibile a soli € 2,99.







La storia racconta di Scarlet che nella sua vita ha sempre messo al primo posto il lavoro, anche perché in amore non ha mai avuto fortuna, e imputa la colpa di tutto ciò a NATHAN JACKSON.
Lui incarna fisicamente il suo ideale, peccato che sia anche un indicibile stronzo, arrogante e sfrontato. 






Non avrebbe più voluto vederlo, dopo il torto che le ha fatto quando erano ragazzi, ma il destino non solo li ha messi più volte sulla stessa strada, ora saranno addirittura costretti a collaborare e nessuno dei due potrà tirarsi indietro, nemmeno i loro cuori che, una volta ritrovati, inizieranno a battere sempre più forte.  Vincerà la ragione o il sentimento?

Per scoprirlo vi basterà tuffarvi nelle pagine del loro romanzo, in uscita il 29/09. 






Titolo: AUTUMN LOVE 
Autrici: Deborah Fasola e Federica Leone
Genere: Commedia romantica
Data di uscita:  29 settembre 2020
Serie: Season In Love #2 
Prezzo ebook: 2,99
Numero pagine: 500

Romanzo Autoconclusivo




venerdì 18 settembre 2020

A VIDA DA GENTE - Scontro Frontale (119-126)


 

 La situazione sembrava proseguire per inerzia, con le nuove coppie formate e con Rodrigo dedito solo al lavoro. Il momento di rottura arriva con la notizia, portata da Julia, che Manuela non ha intenzione di partecipare al matrimonio tra Ana e Lúcio.

 


La sorella decide di approfittare della situazione per andare da lei e invitarla personalmente, sperando di poter chiarire con lei. Le due, infatti, non si sono mai affrontate dopo il tradimento e la partenza di Manuela.

 


Quest'ultima accoglie freddamente Ana e, costretta a parlare, finisce per dirle tutto quello che pensa e che ha in qualche modo covato durante anni di silenzio. Le rinfaccia di aver sempre avuto l'approvazione di sua madre, che in qualche modo ne ha fatto una debole, che non ha mai lottato per ottenere nulla e che alla fine ha distrutto anche il rapporto con Rodrigo perché le è mancato il coraggio di lottare per lui e per sua figlia, scegliendo Lúcio, come ripiego, senza esserne davvero innamorata.

 


Le parole che si scambiano sono come pietre e tutta la dolcezza di Ana viene spazzata via, lasciando emergere dei sentimenti che covava in silenzio. Rinfaccia a Manuela la vita che lei ha avuto e che le è stata sottratta e l'accusa di essersene andata via di proposito, per rovinare il rapporto con Rodrigo e con Julia, come forma di vendetta, ma che lei continuerà ad amare l'uomo per tutta la vita.

 


Di fronte a una rivelazione del genere, Manuela le fa capire che sta prendendo in giro, ancora una volta, se stessa e tutti gli altri, primo fra tutti Lúcio. Ana si rende conto delle cose terribili che ha detto ed entra in crisi, anche perché Rodrigo, appena scoperta della conversazione avuta con Manuela, corre da lei, sperando che lei possa ripensare alla loro storia.

 


Sinceramente non immagino come giustificheranno il finale a questo punto, anche perché Rodrigo sembra innamorato di Ana e di essersi "adattato" a Manuela, durante gli anni di assenza della ragazza. Ana lo caccia, come suo solito, ma poi si reca da Lúcio, a cui dice di non sentirsela più di sposarlo.

 


La reazione dell'uomo è questa volta dura, in quanto si sente usato e tradito. La caccia e Celina, la sua amica di sempre, va da lui per appoggiarlo. Loro due avrebbero fatto davvero una splendida coppia.

 


La notizia dell'annullamento del matrimonio sconvolge Eva che, come sempre, corre da Manuela per accusarla di essere responsabile di tutta la situazione. Ana lascia l'appartamento per rifugiarsi dalla nonna Iná, ma intanto tutto si è complicato e non si capisce che lo scontro con Manuela porterà Ana nuovamente tra le braccia di Rodrigo o di Lúcio.