giovedì 21 febbraio 2019

LA HIJA DEL MARIACHI - Citazioni - PARTE 5



LA HIJA DEL MARIACHI
DI
MONICA AGUDELO



ROSARIO – Sono confusa. Sono l'unica donna del pianeta che è infedele ad un uomo con lo stesso uomo. 


***


DURANTE L'ADDIO AL CELIBATO. 



COLOSO -Che diavolo stai facendo? LARA -Stavano pensando di dare del denaro a Rosario perché andasse al letto prima con quello che si deve sposare domani e poi con tutti gli altri! COLOSO -"E che aspetti ad ucciderli? "LARA -"Posso?"COLOSO - "Certo!"



***


DAVANTI A CASA DI ROSARIO
LARA - "Alla fine siamo da soli! COLOSO - "Allora lo facciamo? "LARA - "Certo.COLOSO: Però qui? Davanti alla casa della nostra fidanzata? "


***


LETY PARLA DEGLI UOMINI 
LETY - Non tutti gli uomini li hanno fabbricati nello stesso modo. Le forbici che hanno usato per fare Sigi si sono persi. Tutti gli altri li hanno tagliati con una potatrice. 


***


EMILIANO E MARTIN NELL'HOTEL A  BOGOTA'EMILIANO (mangiando quello che hanno trovato nella camera) Sento un "filo" ..MARTIN - Un che? EMILIANO - Fame....MARTIN (sorpreso) - Hai fame? EMILIANO - Io vivo con la fame. 

LA HIJA DEL MARIACHI - Citazioni - PARTE 4



LA HIJA DEL MARIACHI
DI
MONICA AGUDELO



CAP 100


SIGI E FER PARLANO NEL CAMERINO DEL SEGRETO DI LARA
SIGI - Ieri quasi non sono riuscito a dormire pensando ad un paio di cose... La prima..FER - Rosario..SIGI - Esatto... E secondo che tu, Rosario ed io siamo degli imbecilli. Ma certo questo trio di cretini è a conoscenza di certi segreti ben custoditi della mafia americana...FER - No, non a questo punto, Sigi...SIGI - Si, la notte scorsa mi veniva da ridere come a te, ma è durata un minuto, fratello. Poi si è trasformato in un pianto d'angoscia quando ho cominciato a pensare: Violino e tromba contro  Mouse e Mineusis...questo combattimento è come quello della tigre e del mulo legato.FER - Siamo rovinati.


***


CAP 100


LA PRIMA MITICA TELEFONATA TRA IL COLOSO E ARTURITO


COLOSO - Arturito? Non importa chi sono io, ma chi sei! Insetto, verme, codardo, sì o sì?(...pausa...Arturito risponde dall'altra parte)..Mhmmm  Ho fatto bene il numero! Non sei il padre che non passa la mensilità a suo figlio, che alza la mano sulla sua donna? Sì, ho fatto bene il numero! Sì, Arturito! Non parti più! Testa vuota!

***


CAP 100


COLOSO - Ho delle cattive notizie per te. Mi hanno dato il tuo numero e il tuo indirizzo di casa, nel caso che... ARTURITO - Nel caso che... cosa, scusa?COLOSO - Nel caso mi tocchi di nuovo Mireyita!Impecille!ARTURITO - Adesso sì che ho capito..COLOSO - La prossima volta ti cerco e di elimino!ARTURITO - Senti, e tu dove lavori? COLOSO - Perché? Che cosa vuoi sapere? Mi vieni a cercare nel tuo camionicno? PrrrrrrPrrrrrrrr PLAZA GARIBALDI. E inoltre ti dico una cosa: io non sono Mireya, Signore! Vieni qui ed io ti faccio volare! Ti rompo la faccia! Sono stato chiaro?  ARTURITO (sorridendo) Sì fratello. Sei stato chiaro, però tranquillo!  Mi basta quello che hai detto.

***


CAP 100
EL COLOSO PARLA CON SIGI CHE CERCA DI CONVINCERLO A FAR RITORNARE LARA AL BAR  
SIGI - Andiamo,  Coloso...Non deve essere per forza così! Ricordati che Lara è un ragazzo senza documenti, un illegale!  COLOSO - Ahi adesso mi hai colpito dove fa più male, perché non esiste nessuno con il quale io sia meno solidale che con un illegale. Gente che lascia il cuore in un paese e si rompe la schiena in un altro, sì o sì? SIGI - Certo!COLOSO - Non c'è diritto, Sigi...SIGI - No, non c'è diritto. COLOSO - Però guarda un po'! L'unico senza documenti che non mi commuove è Lara. Perché? E chi lo sa! 



***


EMILIANO PARLANDO CON  ROSARIO DOPO LA CONCILIAZIONE 
EMILIANO (gridando) Non abbasserò la voce. Lo so che ti meriti un uomo un milione di volte migliore di me, ma non permetterò che te ne vada con lui, hai capito?Tu rimani con il tuo idiota messicano.  

mercoledì 20 febbraio 2019

LA HIJA DEL MARIACHI - Citazioni - PARTE 3


LA HIJA DEL MARIACHI
DI
MONICA AGUDELO


CAP 139


IL COMANDANTE SALAS ED EMILIANO IN CARCERE 
IL COMANDANTE SALAS (furioso) - Se vuoi distruggere la tua vita, fallo, ma non ti lascerò distruggere la mia. Un colpevole in strada è una cosa, un innocente in carcere è un'altra, Emiliano. Con il primo posso conviverci, con il secondo no! Io sono nato per salvare vite, per proteggerle, non per distruggerle. E se non sarò un uomo giusto nella vita, allora non sarà stato niente. La mia vita non sarà valsa la pena e tu non mi farai finire nella tomba sconfitto, ti è chiaro, ragazzino? 



***


CAP 139
EMILIANO PRIMA DI ESSERE PORTATO DI NUOVO IN CELLA.  
EMILIANO - Comandante, sono sicuro che sarà un grand epadre, ma soprattutto che suo figlio sarà molto orgoglioso di lei. 



***


CAP 140


Eulalia parlando con  Virginia de Soto
EULALIA - È che non capisco cosa ci vede di male.VIRGINIA - Cosa? Che ci vedo di male? È che lei lo ha visto?EULALIA - Beh si, non è molto aggraziato, però lei deve capire. Gli uomini sono aggraziati fino ai trenta, poi da lì in poi sono tutti... tutti... senza eccezione, brutti! 


****


CAP 140
SALAS E MORALES VISITANO EMILIANO DOPO VARI MESI 
EMILIANO - E quando nasce.... quando nasce il bambino?MORALES - In un mese. Lo abbiamo concepito in Colombia. EMILIANO - In Colombia? ...Mentre ... mentre mi inseguivano? Allora capisco come non mi trovavate... con ragione... 



***






CAP 146
El Coloso cercando di calmare la gelosia di Emiliano e di farlo salire sulla tarima.
EL COLOSO - Lara, come sue persone civili (ridendo da solo) Adesso quello che ragiona sono io.... È incredibile! Il passero che spara con il fucile! Non c'è più diritto! 

LA HIJA DEL MARIACHI - Citazioni - PARTE 2



LA HIJA DEL MARIACHI
DI
MONICA AGUDELO


CAP 138


El Coloso dalla tarima (il palcoscenico) si congeda per sempre dal pubblico prima della chiusura di   PLAZA GARIBALDI e il pensiero di tutti i mariachi va a Lara che è lontano da loro. 
COLOSO - Dedichiamo questa canzone ad un amico, un fratello, un mariachi. Abbiamo scelto questa canzone perché con lei per la prima volta fece brillare il suo vestito da mariachi e salì sulla tarima. È diventato un fratello, un amico e un mariachi. Lara, con questa canzone ci salutiamo e ci congediamo! Mettici forza! 


****


CAP 138


Lettera di Rosario ad Emiliano
No credo più nella giustizia, in niente, neanche in Dio, perché solo la sua mano poteva separaci e lo ha fatto. Ma non m'importa se passeranno gli anni, quaranta, cento, trecento, un milione, qui mi troverai ad aspettarti, mio primo, unico ed ultimo amore. Il vero miracolo è l'amore e tu sei il mio miracolo, l'unico che ho visto e l'unico in cui credo. 

***


CAP 138


SIGI - Rosarito, saremo dove saremo, dove la vita ci porterà, lei continuerà ad essere sempre l anostra luce che ci illumina. 


***


Nel camerino, prima dell'ultimo spettacolo sulla tarima
El Coloso cercando di non piangere. EL COLOSO - Bene, manada,. compagni miei... ci congederemo con dignità da questo bar che è stato la nostra casa e in onore a questo vestito che oggi andremo a riporre, lasciamo anche le nostre voci e la nostra anima sulla tarima. Per l'ultima volta, Mandada! TUTTI  – Alla tarima !!!!EL COLOSO – Andiamo!



***


CAP 139


Emiliano scrivendo una lettera dal carcere.
EMILIANO " a voi  Macias ha tolto la vostra casa, separato i fratelli, privandomi dello spazio, l'unico in cui potevo immaginarvi felici ed uniti. Corona ha ferito la mia famiglia messicana, Macias a quella colombiana. E io non li perdono, Sigi. Sono pieno di odio. Non c'è stata giustizia per me, chiedo a Dio solo che ce ne sia per voi. Con questo mi reputo soddisfatto.."

LA HIJA DEL MARIACHI - Citazioni - PARTE 1



LA HIJA DEL MARIACHI
DI
MONICA AGUDELO



Fernando in carcere con gli altri mariachi. 
FERNANDO - Ho fatto per Rosario quello che mi sarebbe piaciuto avessero fatto per me... L'ho lasciata andare con la persona a cui vuole bene. SIGI -  Non voglio neanche esprimermi perché mi sarei comportato nello stesso modo. 



***


CARMEN E IL COLOSO
EL COLOSO -  Voglio rispondere economicamente per lui (parlando del figlio che ha scoperto di aver avuto da una delle sue tante storie) .CARMEN - Bene..EL COLOSO - Sì, lo so... Mi dirà che ha denaro sufficiente, ma bambino che porto al mondo, per lui rispondo! No sta parlando con qualche affeminato, ma con un vero maschio, Carmen. Così nessuno farà il mio lavoro! 

***


CAP 130
Felipe ed  Emiliano parlano della verità nel carcere di Città del Messico. 
Davanti alla furia di Felipe, Emiliano appare calmo. EMILIANO -Tranquillo,man...tranquillo. Guarda io non ho altro che una domanda... una domanta che mi sto facendo da quanto tutto questo è iniziato. È un anno che me la faccio e sto impazzendo... un po'... Guarda... La cosa è abbastanza semplice. Durante 28 anni ho dimostrato di essere un bravo figlio, un buon amico, un bravo fratello, giusto? Allora qual è stato l'errore così grande che ho commesso, cosa ho fatto, Felipe, perché tutte le persone che hanno convissuto con me per 28 anni non riescono a credere nella mia innocenza? FELIPE - Non saresti fuggito se lo fosse stato. EMILIANO - Perché ci sono persone che l'hanno accettato prima, altri che lo hanno accettato dopo... mio padre, Criss ad esempio , lo hanno accettato subito. Mia madre e tu hanno impiegato un po' di tempo, però alla fine lo hanno accettato... lo hanno creduto... La domanda è semplice, Felipe. Che cosa ho fatto? Che diavolo ho fatto perché tutte le persone che amo credono che sia colpevole? FELIPE - Emiliano...Tu stesso hai detto a tuo padre e a Corona...EMILIANO -. Ascolta una cosa! C'è un gruppo di 12 persone in Colombia che... 12 amici, man... la manada. Li ho conosciuti un anno fa e non sapevano neanche il mio vero nome. Tutti loro.... ognuno di loro... ho ingannato, tradito, ferito... Guarda, incluso ad alcuni ho distrutto la vita... Perché loro continuano a credermi innocente? Perché, malgrado tutte le prove che gli hanno messo davanti, non riescono a pensare che sia colpevole, che sia un deliquente e ... molto meno, molto meno ce sia un assassino, man!  FELIPE - Che mi vuoi dire,  Emiliano?EMILIANO - Che cosa voglio dirti? Niente... Non è neanche un rimprovero. Non ho la forza per questo. Ormai non ho più forza, man. Voglio una risposta. E se ce l'hai, mi piacerebbe saperla... Vorrei sapere Felipe perché, malgrado tutte le mie bugie, loro sono riusciti a vedermi e tutti voi, malgrado tutte le mie verità, no. Che cosa ho fatto? Che cosa ho fatto? QFELIPE - Maledizione, sei innocente! EMILIANO - Si man (in un soffio)


***


CAP. 121
IN CARCERE TUTTI I MARIACHI ASCOLTANO IL COLOSSO CHE PARLA DI LARA  E IL NEMICO E IL RIVALE DI SEMPRE PARLA CON IL CUORE IN MANO DICENDO LA VERITA'. 
EL COLOSO - Sapete una cosa, ragazzi? Quando uno viene a conoscenza della storia di Lara, che era un riccone viziato, che non conosceva la vita vera e si ricorda di tutto quello che ha dovuto vivere da queste parti... FERNANDO - E che l'ha affrotato senza piegarsi... EL COLOSO - ....allora dobbiamo dire che è un coraggioso. SIGI - Si signore!EL COLOSO - Da parte sua ha mandato a chiedere scusa per avervi ingannato, che vi vuole molto bene e che sempre vi porterà nel suo cuore. E che non dimenticherà mai nessuno di tutti voi. Sa compagno Molina? Quando si è congedato da me, quasi piangeva (scoppiando a ridere). Mi si è affezionato, l'inetto! FERNANDO - E lei a lui, Coloso, si o no? EL COLOSO - In verità sì! (serio)FERNANDO - Bene, brindiamo per Lara...TUTTI - Lara, Lara, Lara..



***


CAP 65
Dopo che Mañanitas gli ha restituito i preservativi. LARA - Ehi gli unici problemi che non  ho sono quelli sessuali. Tutti gli altri, li ho! 

lunedì 18 febbraio 2019

O CLONE - Frasi della telenovela - UNDICESIMA PARTE


O CLONE

DI GLORIA PEREZ


- UNDICESIMA PARTE -


Lucas scappa dal banchetto nuziale alla vista della danzatrice del ventre araba. Maysa lo segue delusa e amareggiata.
Maysa - Che è successo? -Lucas - Per favore, lasciami da solo un momento. -Maysa - Perché Lucas ? Dimmi solo perché. -Lucas - Sto pensando a Diogo. -Maysa - Menti! E' in quella ragazza che pensi. In lei, Jade! -Lucas - Maysa, smettila! -Maysa - No. Non voglio lasciare che mi umili davanti a tutti il giorno del nostro matrimonio. -Lucas - E chi ha detto questo ? Non posso stare qui nella mia stanza un momento da solo ? -Maysa - Stai scappando Lucas, stai scappando. Non hai sopportato vedere danzare quella donna perché ti ricordava lei. Danzava uguale per te! Tu stesso me lo raccontasti, Lucas. -Lucas - E se anche avessi pensato a lei ? -Maysa - E se anche ? Lucas, ti stai per sposare! -Lucas - Devo allora dimenticare tutto quello che ho vissuto prima di conoscerti, Maysa ? Che devo fare ? Scacciarlo ? Appagarlo ? Nasconderlo ? -Maysa - Se non puoi dimenticarlo almeno non rinfacciarmelo. Non voglio averlo. -Lucas - Tu pensi a Diogo quando mi vedi. Non ti interesso io. Tu sposi me solo per conservare la sua immagine. -Maysa - Io non ti considero come Diogo. -Lucas - Dammi tempo. -Maysa - Tutti gli invitati aspettano e sanno. Tutto il mondo sa quello che è successo in Marocco. Torna con me alla festa. Ora.Lucas - Ora? -Maysa - Ora o mai più.



***


Jade racconta a Zoraide di aver rivisto Lucas.
Jade - Lui è venuto, Zoraide. E' venuto. Questo significa che lui ha lasciato tutto per restare con me. Mi ama come prima e più di prima. L'ho visto. L'ho sentito quando mi ha abbracciata. Lo ha fatto con la paura di potermi perdere di nuovo. Oh, Zoraide, se mi condannano morirò molto felice. -Zoraide - Non dire queste cose. -Jade - Solo per qualche minuto la vita è valsa la pena. -Zoraide - Allah! Lo diceva il signor Alì che l'amore per gli occidentali non è una buona cosa. Penso che tu sia influenzata da un genio malvagio. -Jade - Se un giorno ti innamorerai, allora saprai di cosa parlo. -Zoraide - Che Allah non ponga mai nel mio cammino un uomo che mi faccia perdere il giudizio. -Jade - Zoraide, avrà pensato che non l'ho aspettato. E ho perso la mia pietra. L'ho persa. Ho perso la mia pietra di giada


***


TIO ALI (il giorno dell'incontro tra Said e Latiffa per prendere accordi per il fidanzamento): O homem que fala bem tem a chave de todas as portas.
Un uomo che sa parlare ha la chiave di tutte le porte

domenica 17 febbraio 2019

O CLONE - Frasi della telenovela - DECIMA PARTE



O CLONE

DI 

GLORIA PEREZ


- DECIMA PARTE -


LUCAS E JADE

Lucas: E’ che tu non mi conosci, Jade. Credi di conoscermi ma non mi conosci. Non siamo più due adolescenti che si sono innamorati, dal nostro primo incontro a oggi è passata una vita e se questo ti lascia più tranquilla non sono felice. Io non sono felice. Durante tutta la mia vita ho abbandonato i miei sogni, e l’ultimo sei stata tu. Anche la mia storia è una storia di perdite.

Jade: Non venire a parlare di perdite a una donna che ha rischiato la vita per seguirti, che ha lasciato tutto quello che aveva per seguirti perché niente di quello che stai dicendo mi commuove. Niente!

Lucas: Non ti voglio commuovere, Jade. Voglio solo che tu sappia quello che sto passando anche solo perché tu creda che lo merito davvero.

Jade: Lucas!

Lucas: Mia figlia si sta uccidendo, Jade! È per questo che non sono fuggito con te. Perché la mia volontà era cercarti e portarti via lontano, dimenticare che tutti loro esistono, però non ne sono capace. Non ho il diritto di essere felice mentre mia figlia è in questo stato.

Jade: Mi hai lasciato senza vie d’uscita. Ho perso Zein, ho perso Said, ho perso qualunque possibilità di avere una vita felice e tutto perché sempre quando sto per essere felice tu compari e rovini tutto.

Lucas: Jade!

Jade: E d’improvviso te ne vai, te ne vai come se non avessi fatto nulla e non ti guardi indietro e non vuoi sapere in che scompiglio hai lasciato la mia vita. Semplicemente te ne vai per risolvere i problemi della tua vita, della tua casa e all’improvviso li risolvi e ritorni solo per destabilizzarmi di nuovo!

Lucas: La vita degli altri ci sembra sempre facile. Gli ostacoli degli altri appaiono sempre nulli. Sei delusa? Lo sono anch’io. Credo che tu non sia mai riuscita a vivere la nostra storia d’amore nella maturità se ancora oggi vuoi che agisca e che mi comporti come un adolescente.

Jade: Non volevo l’adolescente, volevo l’uomo. Perché un uomo quando chiede a una donna di abbandonare tutto per lui lo accetta. Solo che tu non mi hai mai accettato.

Lucas: Tanto che sei rimasta affascinata da lui… dal clone, vero? Volevi vivere con lui quello che hai vissuto con me, ti sei incontrata con lui nei luoghi in cui ti incontravi con me.

Jade: Basta!

Lucas: No! Il Lucas che tu ami è un adolescente. Quel ragazzo di 20 anni non sono io perché io sono tutto quello che ho vissuto, Jade, sono tutti i problemi che ho, sono le mie insicurezze, sono il mio matrimonio fallito, sono mia figlia drogata!

Jade: Lucas!

Lucas: Il Lucas vero è questo! Ma tu non ami più questo Lucas!

Jade: Come… come potrei guardare la tua copia e non sentire nulla? Nel momento di maggior delusione con te, quando vedo che ti sei trasformato nell’inverso di ciò che eri. Ho gettato 20 anni della mia vita al vento a causa tua, Lucas. Non vedevo Said, non vedevo Zein, no, non vedevo niente di ciò che stava di fronte a me, tentando di vivere una fantasia.Lucas: Non era una fantasia! Non era una fantasia! (piange) Fantasia è credere nella mia mente che potevo passare 40 anni con te, fantasia è credere che un uomo di 40 anni ha la stessa disponibilità di un ragazzo di 20!Jade: Sai perché mi sono avvicinata alla tua copia? Lo sai? Perché è troppo triste vedere che ho sprecato la vita intera per una cosa che non eissteva, per una cosa che era una nostra invenzione.

Lucas: E era un’invenzione? Hai scoperto che era un’invenzione?

Jade: Lasciami andare, sono venuta qui solo perché stavo soffocando, perché sentivo ferita e volevo ferirti a mia volta.

Lucas: Jade! (la blocca e tenta di baciarla ma lei lo respinge e se ne va)


***


Maysa si giustifica dopo aver baciato Lucas.
- Maysa - Non vorrei che tu interpretassi male quello che è accaduto ieri. Credo di esser stata troppo impulsiva. Mi sono emozionata troppo parlando di Diogo.

- Lucas - Figurati, dimenticalo. -

- Maysa - E' stato perché non mi sono controllata. -

- Lucas - Lo capisco.-

- Maysa - Mi vergogno molto. Scusami per favore. -

- Lucas - Non importa.-

- Maysa - Vorrei che non credessi che ho abusato della situazione. Non mi ha fatto piacere quello che è successo. -

- Lucas - Con Diogo, ingannavamo tutte le nostre ragazze. Ci facevamo passare l'uno per l'altro e così io ho baciato tutte le ragazze di Diogo. Mancavi solo tu, Maysa. -

- Maysa - Ah si? -

- Lucas - Lui adorava questo gioco. -

- Maysa - Non mi avreste potuto ingannare però. -

- Lucas - Le altre non hanno mai dubitato di niente. -

- Maysa - C'è però una differenza essenziale. Io vi avrei distinti. -

- Lucas - Qual'è questa differenza ? -

- Maysa - Il bacio. -

- Lucas - Si, il bacio di Diogo incantava tutte le ragazze. -

- Maysa - E' stato migliore il tuo. Molto migliore. Aveva più sentimento. Però va bene; ti ho incontrato troppo tardi. Tu hai Jade e non esistono due Lucas, o si? -


***


Jade torna a Fes a casa del zio Alì dopo il matrimonio di Latifa e parla con Zoraide della notte di nozze.


Zoraide - Non serve lottare contro il proprio destino. Hai girato, girato, per ritrovarti di nuovo qui.

-Jade - Io non voglio più nulla. Per me è indifferente sposarmi con Said o con qualsiasi altro uomo mio zio scelga per me.

-Zoraide - A volte abbiamo rabbia del signor Alì, però in verità quello che dice è giusto. Non possiamo confidare in questi occidentali. Sono molto differenti da noi: fanno delle promesse, però la loro mente pensa ad altro.

-Jade - Questa è stata la seconda volta che mi ha lasciata con il bagaglio in mano.

-Zoraide - E sei stata realmente fortunata Jade, per non essere ancora là, abbandonata e senza sapere dove andare. E' stata una benedizione di Allah che il signor Alì ti abbia riportata di ritorno facendo finto di non aver visto quello che in realtà sappiamo ha capito.

-Jade - Solo per proteggere la sua famiglia dalla vergogna.-

Zoraide - Jade, ti voglio insegnare una cosa che dovrai fare nel giorno del tuo matrimonio perché Said non percepisca che tu in realtà non sei più vergine ( le sussurra qualcosa all'orecchio). Hai capito? Questo è il sistema che molte donne adottano per evitare la vergogna di essere cacciate il giorno della loro unione.

Jade - Non ho intenzione di fare nulla di tutto ciò, Zoraide.

-Zoraide - per Dio, Jade ! Se si saprà che non sei più pura il signor Alì sarà obbligato a castigarti per non perdere la morale di fronte agli altri!

-Jade - Io non ho paura del castigo. Io non ho paura di nulla.

-Zoraide - Jade!

-Jade - Che Said mi cacci e che mio zio mi uccida. Inschallah.


***


Lucas vede Yvete e la chiama. Lei lo fissa confusa e poi avanza verso di lui.
Yvete - Ciao.

-Lucas - Tutto bene? Perché mi stai guardando così? Che è successo?

-Yvete - Sei diverso.

-Lucas - (confuso) Come diverso?

-Yvete - Sei uguale a tuo fratello. Quando ti ho visto mi sono agitata perché pensavo fosse lui.

-Lucas - Noi eravamo diversi.

-Yvete - Però eravate uguali. Lucas, perché tenti di assomigliarli ?

-Lucas - Vorresti dire che mi sto sforzando per essere come Diogo ?

-Yvete - Si, lo credo.

-Lucas - Deve essere perché ho la cravatta e i capelli ordinati con cura. Sto lavorando nell'azienda di mio padre. Devo vestirmi così.

-Yvete - Non è solo per questo. Non so, quando ti ho visto non ti ho riconosciuto. Tu sei sempre stato migliore di Diogo! Che Diogo mi perdoni se mi ascolta, ma è vero. -

Lucas - Voglio sposarmi. Sono venuto a cercarti per invitarti alla cerimonia.

-Yvete - (entusiasta) Sposarti! Non sapevo che Jade ci fosse riuscita!

-Lucas - Non è con Jade che mi sposo. E' con Maysa. -

Yvete - (colta di sorpresa) E chi è Maysa?

-Lucas - Era la ragazza di Diogo.

-Yvete - (quasi disgustata) Perché fare una cosa del genere ? Stai scambiando la tua vita per quella di Diogo! -



***


Jade e Zoraide dopo aver letto del matrimonio di Lucas.

Zoraide - Se vivi con una persona puoi convivere anche con le sue qualità. E innamorartene.

-Jade - Zoraide, io non voglio saperne mai più dell'amore. -Zoraide - Non parlare così.

-Jade - Ascolta le mie parole: Mai più mi innamorerò di qualcuno.

-Zoraide - Nessuno può cambiare tanto il proprio cuore. Le persone restano le stesse.

-Jade - Allora vedrai. Said ha detto che sarebbe uscito a comprare cose belle per il viaggio. Cambierò tutto di me. La Jade sciocca, che voleva rinunciare a tutto per amore, quella Jade che avrebbe dato anche la sua vita per amore, è morta oggi. -