venerdì 8 novembre 2013

LA JAULA DE ORO

TRAMA

La Jaula de Oro è una telenovela datata 1997 frutto dell'abile penna di Maria Zarattini e diretta da Jose Rendon produttore di un classico come CORAZON SALVAJE.
Le vicende narrate iniziano a San Juan di Porto Rico dove il celebre sceneggiatore nord americano, Alex Moncada, convola a nozze, dopo una relazione di due anni, con Renata Duarte, una giovane messicana che da anni vive nell'isola. I due sembrano aver trovato la felicità e l'amore e sono pieni di progetti. Alex deve però allontanarsi il giorno dopo la cerimonia per lavoro, mentre Renata resta in compagnia dell'amica psicologa Dolores. Convocata dalla sua ambasciata, Renata apprende che un ricco messicano di nome Cesar Valtierra è morto lasciandole un'eredità. Mentre ne parla con l'amica passeggiando per le stradine pittoresche della città, la donna viene misteriosamente colpita e prima che Dolores abbia il tempo di reagine, Renata viene prelevata da alcuni uomini e trasportata su un ambulanza comparsa all'improvviso.
Alex ritorna a Portorico ed inizia a cercarla senza risultato, fino a quando pochi giorni dopo il corpo di Renata viene ritrovato su una spiaggia, morta per un' overdose.
Sconvolto dal dolore e confuso dagli eventi, Alex decide di staccare dal mondo e da tutto e parte per un viaggio su un'isola caraibica, ma qui una notte, rientrando in camera, trova il corpo di una donna assassinata. Prelevato con la forza e buttato letteralmente in cella, senza un avvocato e senza possibilità di contattare la sua ambasciata, Alex capisce che qualcuno sta architettando un piano per eliminare anche lui, come si sono sbarazzati di Renata. Una notte, approfittando di una rivolta scoppiata nel carcere, riesce a fuggire e consapevole che l'unico evento strano nella vita della moglie è stata l'eredità dei Valtierra, decide di indagare e parte per Villa Miraflores, sotto falsa identità, deciso a venire a capo dell'intricata vicenda che ha portato alla morte dell'amata moglie e che lo ha intrappolato in un complotto.
Giunto a Villa Miraflores, Alex incontra l'altra erede, Oriana Valtierra, la copia esatta di Renata, ovvero una sorella gemella ed una famiglia di cui anche lei ignorava l'esistenza.
Oriana Valtierra è una donna fragile, vissuta protetta in una gabbia dorata, Villa Miraflores, con nessun contatto con la vita esterna. Persino Flavio De Canet, il marito avvocato, è stato accuratamente scelto per lei ed introdotto nel suo mondo. In principio attratto dalla sua somiglianza con Renata, Alex comincia a provare per Oriana una tenerezza sconosciuta, mentre indaga per trovare le prove e smascherare gli assassini della moglie e per Oriana, che nasconde nella profondità del suo inconscio un trauma infantile che l'ha isolata dal mondo, Alex diventerà lo strumento per aprirsi al mondo, alla vita e all'amore, maturando come donna e come persona.






Elenco

Edith González - Oriana / Carolina / Renata Duarte
Saúl Lisazo - Alex Moncada / Franco
René Casados - Flavio Canet
María Teresa Rivas - Ofelia Casasola
Antonio Medellín - Omar
Patricio Castillo - Benjamín Acevedo
Cecilia Coronel - Elis Canet
Arcelia Ramírez - Martha
Vanessa Bauche - Cristina
Socorro Bonilla - Doña Tere
Fernando Sáenz - Valerio
Jaime Lozano - Artemio
Kenia Gazcón - Camelia
Alpha Acosta - Marianela
Isaura Espinoza - Dolores
Edi Xol - Alberto
Ricardo Dalmacci - Gustavo
María de Souza - Amira
Bárbara Gómez - Regina
Tony Marcín - Ana
Ana María Jacobo - Severina
Ernesto Rivas - Sergio
Janet Ruiz - Rosa
Fernanda Ruizos - Carmina
Fernando Rubio - Maximino
Zulema Cruz - Locutora
Claudio Rojo - Oficial de policía
Judith Muedano - Recepcionista
Francisco Haros - César Valtierra
Liliana de Ita - Señora
José Olivares - Hombre joven
Julián de Jesús Núñez - Pedro
María Dolores Oliva - Irene



 OPINIONE PERSONALE

Avevo finito da poco di vedere un'altra telenovela, SORTILEGIO, dove, a parte storie non sempre convincenti o appassionanti, mi erano piaciuti moltissimo i due protagonisti, e temevo di non ritrovare personaggio così. Ho voluto rimanere fedele alla mente, o alla penna, di colei che aveva creato un protagonista maschile come Alejandro Lombardo, e così eccomi qua. La storia ha i suoi anni, ma li porta assolutamente benissimo. Era una vicenda che mi era sfuggita. Dopo il clamore di CUORE SELAGGIO, mi ero allontanata dalle telenovelas. Nulla mi sembrava all'altezza. Poi mi sono persa dietro  prodotti in lingua originale, e per una cosa o per un'altra non ero tornata indietro a rivedere i vecchi prodotti. Così LA JAULA DE ORO di cui tanto si era parlato era rimasta lì, nell'elenco dei lavori fatti da Edith e da Saul. Per fortuna mi sono fidata, anche attirata dalla brevità della storia. E che dire? Mi sono invaghita senza rimedio delle vicende, a tratti, soprattutto nella parte inziale, quasi da film e soprattutto mi sono innamorata del suo protagonista, Alex Moncada. Che la Zarattini ci sappia fare ed abbia la capacità di creare uomini che tutte le donne sognano, lo aveva dimostrato ampiamente. Juan del Diablo, Manuel Fuentes Guerra, Ricardo Lopez de Carvajal, Alejandro Lombardo sono solo alcuni da lei creati e che restano nel nostro immaginario. Il protagonista de LA JAULA DE ORO ha un fasciono tutto suo. E' l'uomo adulto, fattosi da solo, senza radici e quindi desideroso di crearsi una famiglia, che finisce in una trappola che neanche la sua penna poteva immaginare. Parte per scoprire la verità, portandosi il dolore nel cuore e sulle spalle, per la perdita dell'amata moglie. Come non ricordare le sue parole, quando raccontando all'amico Alberto del suo matrimonio, ammette di essere toccato al pensiero di aver trovato una persona che gli voglia bene ed una persona da amare, lui che non ha mai avuto nessuno.
 La vita è crudele, o meglio gli uomini, e così quando pensa di aver raggiunto la felicità, gli viene brutalmente strappata. In realtà il suo amore per Renata/Carolina è più un suo bisogno che qualcosa di reale, a mio parere. I due si sono frequentati per due anni, ma come sintetizza bene Dolores nel primo episodio, tra telefonate e viaggi, alla fine si saranno visti si e no un mese. Inoltre Renata ignora che Alex è cresciuto senza una famiglia, in un orfanotrofio. Non sono mai arrivati ad una tale intimità da raccontarsi tutto. Anche lui non sa nulla di Renata e qui non sappiamo se effettivamente anche la ragazza ignorasse il padre e la sorella lasciati in Messico dalla madre, o se in realtà era uno di quei ricordi da non condividere.
Con Oriana invece Alex stabilità un rapporto completamente diverso, anche per la particolarità di quest'ultima.
Se Alex Moncada rappresenta un protagonista atipico nel panorama telenovelero in quanto è un uomo maturo, sicuro di sè, intelligente e pronto a capire quello che succede intorno a lui, Oriana è una protagonista assolutamente diversa. La tragedia che il suo IO ha cancellato per permetterle di andare avanti, ma soprattutto l'educazione datale dalla tia Ofelia, signorina di vecchio stampo, ma assolutamente affezionata alla ragazza, ha fatto sia che a 24 anni Oriana abbia un'aria infantile, innocente e del tutto privo di malizia tipica dei bambini. Basti pensare alla famosa scena del bagno nella sorgente, dove il povero Alex cerca di mantenere un contegno in tutti i modi. Oriana è spontanea, diretta, appassionata e assolutamente intelligente. Pian piano cresce nelle vicende della storia, cercando e lottando per Alex, anche quando questi tentenna logicamente insicuro sulla vera natura dei suoi sentimenti per Oriana. E' amore sincero o solo desiderio di avere Renata ancora accanto a lui? Lo capirà pian piano e malgrado l'opposizione di tutti, amici, paranti, Oriana ed Alex combatteranno per i loro sentimenti. Mi sono piaciuti tantissimo e la telenovela è davvero una di quelle ben scritte e avvincenti. Vederla è stata "un'esperienza felice". La consiglio a tutti.

Nessun commento:

Posta un commento